Maestri

La scrittura secondo Edna O’Brian e Les Edgerton

PER DURARE NEL TEMPO

Le opere teatrali e i romanzi basati su temi politici mi rendono insofferente. Durano al massimo cinque, dieci, quindici anni. Le poesie di Emily Dickinson parlano della solitudine e dei corridoi della mente, e vivranno in eterno. Non so se io durerò nel tempo oppure no. So solo che voglio scrivere di qualcosa che non segua le mode e non corteggi nessun momento e nessuna opinione giornalistica. Voglio scrivere di qualcosa che valga in ogni tempo, perché è uno stato dell’anima.

(Edna O’Brian

COME SI INIZIA UNA STORIA?

Iniziare con un personaggio che rimugina tra sé e si contempla l’ombelico, riflettendo sul significato della vita, o sul sistema politico intollerabile in cui si trova a vivere, o sugli abusi subiti da parte dei suoi familiari, è il bacio della morte per la storia, credetemi. Per quanto abile sia l’autore, “raccontare” dei fatti non può iniziare una storia con la stessa potenza che ha “mostrare” gli stessi fatti tramite una scena. Il vostro scopo è evocare una risposta emotiva nel lettore, e la semplice narrazione non è sufficiente. Il lettore deve vivere la scena di apertura insieme al protagonista; solo così potrà davvero credere a ciò che legge, e soprattutto percepirlo in maniera non superficiale.

(Les Edgerton, “Hooked”)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *